laminato-gres-pavimenti

Laminato o Gres Porcellanato? Come scegliere il pavimento effetto legno

Indice Argomenti su Laminato o Gres Porcellanato

Quando si tratta di scegliere il pavimento perfetto per la casa, le possibilità sembrano molte rispetto al materiale. Ogni scelta mostra caratteristiche e vantaggi unici, ovviamente, ma salta all’occhio soprattutto il dubbio quando i materiali sembrano “simili”.
Come nel caso dei pavimenti in laminato o gres porcellanato, di cui tanto si parla. Perché si tratta delle alternative più diffuse, che offrono in ogni caso un equilibrio tra l’estetica, la durata nel tempo e la convenienza di prezzo. Eppure… le differenze ci sono: vediamo cosa cambia tra laminato e gres.

Che materiale è il gres?

La parola grès viene dal francese antico “ghiaia” (poi riferito alla pietra arenaria), e rappresenta questo materiale compatto e duro. Il gres o grès si ottiene mediante la cottura di argille, silice, calcare, etc. ad alte temperature (1200-1300 °C), fino alla vetrificazione dell’impasto.
Viene usato per la creazione di mattonelle e altri elementi, in particolare nella sua versione di gres porcellanato – un materiale ceramico a pasta dura e impermeabile.
L’utilizzo principale della versione porcellanata è quello di creare piastrelle in ceramica di alta qualità, molto apprezzate per i pavimenti. Il processo di produzione è complesso, e comincia con la selezione di materie prime eccellenti come argille, feldspati (minerali da rocce eruttive), quarzo e altri elementi. Questi componenti vengono finemente sminuzzati, miscelati e cotti a temperature fino a 1235 °C. Il procedimento porta alla greificazione (proprio da gres), ossia la fusione e saldatura dei granuli dei materiali nella ceramica, in modo da aumentare la resistenza e l’impermeabilità delle piastrelle.

Ne deriva un gres estremamente compatto e solido, con una densità simile alla pietra, mentre l’aggettivo porcellanato si riferisce all’aspetto e alcune proprietà simili a quelle della porcellana.

Che materiale è il laminato?

Per capire meglio la differenza tra laminato e gres porcellanato, è importante conoscere come è composto il cosiddetto “laminato”. È un materiale multistrato perché costituito da più strati di materiali compressi.
Dall’alto verso il basso, quindi, troviamo prima lo strato superiore: un film protettivo resistente (strato d’usura) e trasparente, che fa vedere l’immagine sottostante. Sotto troviamo lo strato di design decorativo, su cui viene stampata l’immagine ad alta risoluzione che riproduce l’aspetto del legno o della pietra (per un ottimo effetto ottico).
Esiste poi lo strato centrale detto compound interno. È la superficie più spessa del laminato: una tavola in fibra di legno pressata resistente, ad alta densità (HDF), che contiene l’incastro. Infine, il sottile sottofondo in materiale plastico che mantiene la stabilità, impermeabile e morbido. In alcuni casi, alla fine è presente un tappetino antirumore.
Molte persone pensano che il pavimento laminato sia plastica, ma non è così. Mentre il sottile strato superiore e il sottofondo possono essere sintetici, la parte essenziale dei materiali utilizzati nel pavimento laminato è in legno.

Che differenza c’è tra gres e laminato

Nel confronto tra pavimenti laminati e in piastrelle di porcellana, a livello di materiali e di estetica qualche piccola diversità si fa notare.

Resistenza

La scelta tra laminato o gres porcellanato spesso si gioca qui. Perché per un investimento come il pavimento, la differenza nei tempi può essere sostanziale.
Il laminato è durevole e resistente a graffi e scalfitture, scolorimento e macchie – grazie allo strato superiore che protegge quello sottostante e lo rende più “intoccabile”. Tuttavia, un’eccessiva umidità può causare danni nel tempo. Per questo, la differenza tra laminato o gres porcellanato si nota negli ambienti soggetti a umidità eccessiva, come i bagni. A meno che, il pavimento laminato non sia trattato in modo specifico (ne parleremo più avanti).

Il gres porcellanato, ugualmente, resiste molto all’usura e alle macchie ma soprattutto all’umidità. Possiede una porosità estremamente bassa, dovuta al basso coefficiente di assorbimento d’acqua.È adatto, quindi, alle zone della casa come bagni e cucine grazie all’eccezionale resistenza all’umidità. Inoltre, vista la solidità il gres è utile negli ambienti con un’intensa circolazione pedonale – da soggiorni e corridoi agli spazi esterni. Riesce a resistere alla flessione generata da carichi pesanti. Come materiale resistente al fuoco non brucia né produce fumi tossico-nocivi in caso di incendio.

Estetica

Nel laminato l’aspetto realistico si unisce alle caratteristiche di grande durata e resistenza alle scalfitture. Per chi desidera replicare l’effetto del legno, i pavimenti laminati sono una scelta eccellente. Con le immagini ad alta risoluzione e la superficie strutturata, i modelli di alta qualità diventano difficili da distinguere dal vero legno. La tecnologia avanzata usata nella loro realizzazione permette effetti più nitidi e goffrature profonde.

Il gres porcellanato è un materiale denso e durevole ma non manca certo di stile. Le mattonelle in gres porcellanato sono rinomate per la loro capacità di imitare l’aspetto della pietra naturale o di vari design, motivi e finiture, mantenendo al contempo una resistenza superiore. I colori non vengono alterati dall’esposizione alla luce solare o agli agenti atmosferici.

Installazione

I pavimenti laminati utilizzano sempre di più un sistema di installazione a clic e blocco (click-and-lock), semplificando la posa con ottimi meccanismi di giunzione. Le assi sono unite in modo interbloccato: bordo a bordo, estremità a estremità, formano un solido tappeto che si appoggia sul massetto, senza bisogno di colla. Una soluzione interessante per chi vuole inserire il pavimento in laminato sopra una vecchia pavimentazione, anche con soluzioni di pavimento flottante.

Le piastrelle in gres porcellanato, invece, richiedono un procedimento di installazione meticoloso e stabile. Il sottofondo livellato, con applicazione di una malta sottile (o adesivo legante) e sigillatura, diventa essenziale per garantire una finitura impeccabile e resistente.

Questo processo di posa pavimenti in gres è caratterizzato da precisione e artigianalità, e deve essere fatto da esperti della pavimentazione.

Manutenzione

Come pulire il pavimento laminato effetto legno? È facile da mantenere, richiede solo una pulizia di routine per evitare l’accumulo di polvere e detriti. Si possono pulire con un aspirapolvere, uno straccio asciutto o una scopa morbida. Bisogna però evitare acqua calda, perché potrebbe infiltrarsi nelle giunture causando rigonfiamenti. Per togliere le macchie, basta passare uno straccio leggermente umido o, meglio, un detergente per pavimenti laminati. Non è mai necessaria la ceratura.
Anche le piastrelle in porcellana richiedono una cura minima, la pulizia prevede una semplice passata di straccio umido con un detergente delicato. In ogni caso, il gres porcellanato di alta qualità ha la capacità di resistere al contatto con prodotti chimici (macchie, acidi organici) quindi non teme detergenti che puliscono a fondo.

Entrambe le superfici sono igienicamente affidabili. Il gres con la sua superficie vetrificata non porosa, ostacola la proliferazione di funghi e batteri, mentre il laminato non intrappola polvere e allergeni.

Comfort

Per una sensazione più calda e “morbida” il laminato è più adatto rispetto alle piastrelle o alla pietra naturale. Al calpestio rende un effetto che sembra elastico, attutendo molto anche il suono (e la percezione di vuoto che può verificarsi). Tradizionalmente, il laminato è stato scivoloso ma recentemente, sono stati sviluppati strati antiscivolo per un maggiore comfort.

Le piastrelle in porcellana offrono comunque una piacevole sensazione sotto i piedi. La loro composizione densa fornisce stabilità e supporto, rendendole comode da calpestare con una temperatura costante ma rinfrescante in estate.

Costi

Il prezzo moderato del pavimento laminato, consente un buon rapporto qualità-prezzo per la sua durata e l’aspetto realistico nel rivestimento di pavimenti e superfici. Il laminato rimane un materiale per pavimenti economico rispetto a prestazioni ed estetica.
Le piastrelle in gres porcellanato mostrano un costo iniziale più elevato, ma sono considerate una scelta di valore a lungo termine. Questa sua caratteristica dipende anche dalle spese di manutenzione e sostituzione che saranno ridotte nel tempo.

Di certo, la differenza tra laminato o gres porcellanato dipende dalla qualità del prodotto e dall’utilizzo della pavimentazione: l’aspettativa di vita e di investimento può variare. Alcuni pavimenti laminati possono durare fino a 25 anni all’interno di ambienti poco utilizzati, mentre il gres installato in aree ad alta circolazione potrebbe dover essere sostituito dopo alcuni anni.

Per non confondere i materiali, ecco cos’è gres laminato

Oltre la scelta tra laminato o gres porcellanato, esiste questa opzione che a volte può confonderci per il suo nome “mixato”. È un tipo di gres porcellanato con uno spessore veramente ridotto (3-6 mm), creato con lastre di grandi dimensioni (anche 100×300 cm).
La pressatura del gres sappiamo che avviene ad altissime temperature, quindi per mantenere uno spessore così ridotto e ottenere la resistenza tipica, si usano delle materie prime pregiate senza impurità. Inoltre, in alcuni casi il gres laminato viene dotato di una rete di rinforzo in fibra di vetro: fibrorinforzato per la massima resistenza.

La pressatura riuscirà a donare una lastra sottile, lavorata poi con gli effetti grafici richiesti oppure resa concava o convessa in base alle esigenze (rivestimenti di arredi e superfici).
Per quanto riguarda i pavimenti, il gres laminato può essere posato in sovrapposizione. Viene incollato sul supporto adatto (massetto, vecchie ceramiche, calcestruzzo, etc.) e rappresenta un’alternativa utile al dubbio su come scegliere un pavimento in gres porcellanato!

Laminato o gres porcellanato? Terza opzione, l’innovazione Clap!

A questo punto, dopo aver compreso le differenze tra laminato o gres porcellanato, chi si decide per il primo, potrà orientarsi su diverse possibilità.
Come scegliere il pavimento in laminato? La nostra proposta, in questo caso, è quella relativa ad un rivestimento multistrato veramente particolare del marchio Déco, il pavimento Clap! dotato di qualità, resistenza e notevoli effetti realistici per il legno e la pietra. Le piastrelle o doghe super sottili e decisamente mimetiche sono create aggiungendo materiali innovativi.

La linea Clap! adotta la forza di polvere di pietra e tecnopolimeri, per una miscela in grado di creare uno strato ultrasottile (3-5 mm) e ultraresistente allo stesso tempo. Le prestazioni del pavimento indoor sono superiori alla media per durata, robustezza, contro l’usura e anti-rumore. Soprattutto, questo strato è dotato di un’alta impermeabilità che contrasta il punto debole dei pavimenti laminati.
Nella scelta Clap! Real il multistrato comprende 1.2 mm in legno naturale e un nucleo composito di polvere di minerali e polimeri. Nel più diffuso Clap! GO, utilizza un nucleo centrale di polvere di minerali e tecnopolimeri e una struttura molto resistente alle macchie (es. acetone, caffè, acqua ossigenata).

Per chi cerca un pavimento laminato effetto legno con venature e striature nel design e sensazioni al tatto uniche, sono presenti anche le versioni di Clap! 3D. Il rimando alle 3 Dimensioni deriva da un effetto realistico eccellente, che simula il fascino del legno in modo strabiliante.
Inoltre, questo progetto è straordinario anche nelle dimensioni, per riprodurre i listoni del parquet, presentano un formato maxi eccezionale dalle dimensioni 1800 x 228 x 6 mm. Al di là della scelta tra laminato o gras porcellanato, le innovazioni Clap! mettono d’accordo per l’alta qualità e l’effetto mimetico superiore di questo terzo prodotto.

Nuovo pavimento interno: ecco i preventivi gratuiti

Vuoi sapere che prezzo hanno i pavimenti in laminato? Contattaci!
Puoi ricevere oggi stesso, senza impegno, un preventivo per il pavimento laminato prezzi e dettagli compresi. Inoltre, ti possiamo inviare le eventuali offerte CLAS1990 per le pavimentazioni interne ed esterne.

Se desideri sapere ancora più nel dettaglio quale rivestimento è adatto al tuo spazio, ti raggiungiamo per un sopralluogo a domicilio. Analizziamo il tuo ambiente, valutando la soluzione con pavimenti laminati o parquet e altre possibilità di pavimenti in legno.
Siamo attivi con i nostri pavimenti e parquet a Roma, nella provincia romana e nel Lazio

Per un preventivo o per avere più informazioni, chiamaci ai recapiti 06 31056994342 1045052

Se preferisci, passa a trovarci!
La nostra sede con lo showroom pavimenti e parquet si trova a Roma in zona Tuscolana – viale San Giovanni Bosco 100.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su

Mappa del Sito

Privacy Policy Cookie Policy
Preferenze Privacy Policy

Clas1990 S.r.l - P.IVA 12217041008 © 2024

Web Design & Marketing Logo Pecweb Agency